venerdì 14 giugno 2013

La concezione della morte negli animali

Vi siete mai chiesti cosa passi per la testa di un animale quando si trova a dover fare i conti con la morte di un membro della sua stessa specie? Molto probabilmente no...
Sembra infatti che noi umani vogliamo a tutti i costi "essere speciali", quindi molto spesso ci dimentichiamo che anche noi siamo animali.

Credereste mai che gli animali provano emozioni simili alle nostre, se non le stesse, quando si trovano ad affrontare la morte?
Per alcuni potrebbe essere una cosa scontata, ma per quanto riguarda gli altri sono sicuro che quello che vedrete qui vi farà riflettere molto.

Ho pensato di mettere insieme alcuni video che ho raccolto qua e la navigando per la rete che dimostrano chiaramente che gli animali non sono insensibili alla morte altrui, come la maggior parte della gente pensa.
Volevo mostrarvi delle scene di alcuni documentari che vidi tempo fa riguardanti l'argomento, ma purtroppo su internet è difficile reperirli (maledetto copyright). Quindi ho scelto di ripiegare su filmati amatoriali.

I filmati che vedrete qui di seguito sono alquanto tristi e forse un po' macabri, ma comunque sia vale davvero la pena vederli. Buona visione.




Gli scimpanzé, come è noto ad alcuni, sono gli animali più simili a noi. Non solo dal punto di vista genetico ma anche dal punto di vista comportamentale.
Anche la morte, quindi, non li lascia indifferenti.
Vi sono stati diversi avvistamenti e casi noti di madri che si trascinavano dietro i loro cuccioli morti ormai da giorni. In un caso molto particolare, ma sicuramente non unico, una madre si portava dietro lo scheletro ormai decomposto del figlio, trattandolo come fosse ancora vivo.
Che cosa avviene dentro il cervello di questi animali? Che cosa pensano? Sebbene la cosa potrebbe sembrarci alquanto macabra, concorderete comunque con me se affermo che la somiglianza con noi in questo caso è molto forte.
Nel filmato qui sopra la madre torna più volte dal figlio e lo sfiora, lo tocca... quasi come per volerlo "svegliare". La domanda che sorge spontanea guardando il video è: Gli scimpanzè non comprendono la morte, o più semplicemente NON L'ACCETTANO?
E' mia personale opinione credere che tutti gli animali posseggano una parte razionale, guidata dall'istinto e dal ragionamento deduttivo e una emotiva, completamente irrazionale così come avviene per gli uomini. Infatti sebbene siano consapevoli del fatto che quello che hanno davanti è un animale morto, loro tentano comunque di intervenire e fare qualcosa per salvarlo oppure rifiutano il fatto che sia morto e continuano a comportarsi come se quell'animale fosse ancora vivo.
Probabilmente molti potrebbero non essere d'accordo con me, ma sono sicuro che è questione di tempo prima che qualche etologo confermi la mia teoria. (sempre se qualcuno non l'abbia già fatto.)






Anche gli elefanti sono animali molto sensibili al tema della morte. E come si sa sono famosi per la loro memoria di ferro. Entrambe le cose fanno sì che il primo filmato dimostri chiaramente che gli elefanti non solo sono sensibili alla morte, ma anche ricordano chi non c'è più. (Cosa secondo me possibile, soprattutto se a morire è una matriarca che ha vissuto per molti anni col branco).
Purtroppo la continua persecuzione dell'uomo nei confronti degli elefanti (soprattutto da parte dei bracconieri per via dell'avorio ricavato dalle zanne) ha fatto ottenere all'elefante un altro triste primato. Oltre che avere una buona memoria e una gran sensibilità per la morte, l'elefante è anche un animale molto vendicativo visto i frequenti attacchi da parte degli elefanti a danno dell'uomo. Evidentemente ora ci odiano, e ce lo meritiamo infondo. Ma sono sicuro che approfondiremo l'argomento un altra volta.


La sensibilità verso la morte non è una prerogativa degli animali più intelligenti come le scimmie e gli elefanti. Molti altri animali si comportano in modo analogo (e non sono certo meno intelligenti).
Qui di seguito altri video che mostrano come certi uccelli si comportano difronte alla morte di un loro simile.








Ci sono molti altri video in rete, se scrivete ad esempio su Youtube "mourning animals" vi uscirà sicuramente una lista abbondante di video anche se sono pochi quelli davvero interessanti.

Con questo vi saluto, sperando che questo post possa far riflettere molte persone.

3 commenti:

  1. Post e video molto toccanti e commoventi.
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Non so perché questo link mi ha fatto venire in mente un gioco privo di senso che io e mio fratello facevamo da bambini. Il gioco consisteva nel fingersi morti e nell'essere credibili, senza ridere, accasciandosi per terra dopo una finta caduta o un finto malore.

    Finiva quasi sempre a ridere... un giorno però provammo questo gioco davanti al nostro cane e ci stupimmo nel vederlo mugolare, si avvicinava per annusarci e spingerci, come se volesse rianimarci... per fortuna poi ci siamo svegliati per coccolarlo. Anche se non c'entrava con il post, me lo ha ricordato.

    Un'altro episodio che mi aveva colpito da bambina, anche se è un po' triste... ero in macchina e ho assistito alla scena di un'altra macchina che ha colpito un gatto e lo ha portato verso il marciapiede. Accanto a lui c'era un altro gatto e... che scena toccante. :( Cercava di stargli vicino, gli stava quasi attaccato come se volesse agire per aiutarlo e lì capii che anche gli animali soffrono nel veder morire un loro simile.

    L'empatia negli animali potrebbe essere un tema interessante, proprio in questo momento sto pensando al mio gatto che qualche mese fa ha accudito un gattino trovatello e sinceramente non me l'aspettavo in quanto maschio, pensavo che fossero solo le femmine ad avere questo istinto ed invece lui interrompeva il suo sonno e persino il momento per mangiare per andarlo a proteggere mentre piangeva. Gli insegnava ad arrampicarsi, camminavano insieme e si addormentavano vicini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marzia per questa tua bella testimonianza.
      Certamente toccante e molto triste la scena a cui sei stata costretta ad assistere, tuttavia ciò ti ha permesso di acquisire una nuova consapevolezza: anche gli animali soffrono alla morte di un loro simile.
      Non tanto per il fatto che quello a morire è un membro della loro stessa specie, ma piuttosto per il legame che li univa al defunto. La stessa cosa vale per noi esseri umani, soltanto che noi molto spesso fingiamo di amareggiarci o batterci il petto per la morte di una persona che manco conoscevamo. Gli animali in questo sono molto più onesti di noi.

      L'empatia negli animali è sicuramente un tema interessante.
      Anche il mio gatto ha stretto un legame di amicizia molto forte con il gatto del vicino, una volta il mio è rimasto incastrato sopra un tetto e il suo amico lo ha vegliato per tutto il tempo fino a quando non siamo andati noi a tirarlo giù.
      Poi anche gli animali sono unici proprio come gli esseri umani. In tutta la mia vita mi sono preso cura di diversi gatti e nessuno era uguale all'altro. Anche io ho avuto l'esperienza di un gatto maschio che accudiva un piccolo trovatello. Soltanto che i miei giocavano spesso e volentieri a sumo :D.

      Ciao!

      Elimina

La moderazione dei commenti è attiva, quindi potrebbe volerci del tempo prima di vedere il vostro commento pubblicato. Siate pazienti e ricordatevi di attivare le notifiche.

o- Tutti possono commentare, anche in forma anonima. (sarebbe carino tuttavia firmarsi con un nick od un nominativo)
o- Non verranno pubblicati commenti provocatori e poco rispettosi del prossimo o commenti con contenuti di natura pubblicitaria.